Lettera di Loris Rispoli al Presidente del Consiglio Matteo Renzi

PALCOEgregio Presidente

ho letto dalla stampa che lei ha intenzione di aprire gli armadi per fare piena luce sulle stragi che hanno segnato la storia di questo paese, finalmente, troppo sangue è scorso, troppe Vittime sono in attesa di giustizia, purtroppo lei non è il primo a fare questa affermazione, lo disse l’ex Presidente Monti, lo riaffermò nel suo discorso di insediamento il Presidente Grasso, purtroppo nulla è stato fatto.
Rappresento una delle più gravi tragedie della marineria, una delle più gravi stragi del lavoro, ma anche la più rimossa e dimenticata, quella che il 10 aprile 1991 ha causato la morte di 140 persone nelle acque antistanti il porto di Livorno. Una tragedia senza colpe e responsabili dice la magistratura. Noi siamo invece convinti che di responsabilità e di responsabili ce ne siano molti.
In questi giorni sono state presentate alla Camera e al Senato tre proposte di legge per la Costituzione di una Commissione Parlamentare bicamerale d’inchiesta.
E’ la nostra ultima speranza per conoscere la Verità, e sicuramente aprire gli armadi servirebbe a tirar fuori documentazioni che sicuramente riguardano anche quella tragica notte.

Il 10 Aprile nelle celebrazioni del 23° Anniversario abbiamo affermato la nostra piena fiducia nelle istituzioni e nella politica, fate sì che questa fiducia trovi risposte e soprattutto che si faccia piena luce.

Cordiali Saluti
Rispoli Loris

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>